Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

La terapia con anti-TNF appare sicura nei pazienti più anziani con colite ulcerosa


Una ricerca ha mostrato che, nonostante una maggiore frequenza di infezioni ed eventi avversi, i pazienti più anziani con colite ulcerosa non sono ad aumentato rischio di complicanze correlate al trattamento anti-TNF ( fattore di necrosi tumorale ).

I pazienti più anziani hanno molte meno probabilità di essere trattati con farmaci anti-TNF. Questo atteggiamento prudenziale è, spesso, secondario al timore di un aumento delle reazioni avverse, come infezioni e malignità, in questi soggetti, o per la presenza di controindicazioni, come neoplasie recenti o alta comorbilità.

I ricercatori hanno utilizzato dati aggregati di quattro studi randomizzati e controllati per determinare la sicurezza comparativa e l'efficacia dei farmaci anti-TNF ( Remicade [ Infliximab ] o Simponi [ Golimumab ] ) nei pazienti più anziani rispetto ai pazienti più giovani con colite ulcerosa.
Dei 2257 pazienti nei quattro studi, 231 avevano un'età di almeno 60 anni.

L'outcome primario dello studio era costituito da eventi avversi, inclusi morte, evento potenzialmente letale, ospedalizzazione, infezione o neoplasia durante il follow-up.

Gli esiti di efficacia includevano la remissione clinica, definita come punteggio Mayo totale di 2 o inferiore o punteggio Mayo parziale di 2 o inferiore senza sottopunteggio superiore a 1, durante le fasi di induzione e di mantenimento.

E' stato osservato che una percentuale più alta di pazienti anziani ha manifestato gravi eventi avversi, ospedalizzazioni e infezioni rispetto ai pazienti più giovani.
Tuttavia, un minor numero di pazienti anziani trattati con anti-TNF ha sperimentato eventi in queste categorie rispetto ai pazienti più anziani che avevano ricevuto il placebo.
I pazienti più anziani trattati con anti-TNF, tuttavia, avevano un rischio più elevato di sviluppare neoplasia rispetto ai pazienti più giovani e ai pazienti più anziani trattati con placebo.

Dopo aver considerato questa interazione, i ricercatori hanno scoperto che l'età superiore a 60 anni non era associata a un aumento incrementale della probabilità di eventi avversi o complicanze correlate al trattamento.

L'analisi di efficacia ha stabilito che i pazienti più anziani presentano un ridotto effetto di trattamento rispetto al placebo dopo l'induzione ( odds ratio, OR relativo = 0.69, IC 95%, 0.53-0.89 ), non dopo il mantenimento.

Dallo studio è emerso che il rischio di base di eventi avversi gravi è più alto nei pazienti più anziani rispetto ai pazienti più giovani con colite ulcerosa. Tuttavia, i rischi incrementali della terapia anti-TNF con Infliximab o Golimumab sono risultati simili tra pazienti anziani e giovani. ( Xagena2019 )

Fonte: Digestive Disease Week, 2019

Gastro2019 Farma2019


Indietro